Blog

Festival Brain at Work: quello informatico settore traino per l’economia. +50% le richieste di impiego

Festival Brain at Work

Torna il Festival Brain at work – Orientamento, Formazione e Lavoro per giovani talenti da oggi al 23 novembre al Centro Congressi Frentani di Roma

Brain at work, sistema integrato nel settore del recruiting, talent acquisition ed employer branding, è il network che dal 2001 crea un ponte tra il mondo della formazione e del lavoro, il cui festival quest’anno si svolgerà in una full immersion di tre giorni (dal 21 al 23 novembre) al Centro Congressi Frentani di Roma e avrà luogo in forma ibrida, in presenza e online attraverso dirette streaming.

Brain at Work Lab, l’ente che opera nel terzo settore, con il suo comitato scientifico costituisce un vero e proprio osservatorio sul mondo della formazione, dell’orientamento e del lavoro cercando di dare risposta attraverso analisi a domande specifiche:

  • quale sarà il futuro del lavoro e quali le nuove competenze richieste?
  • come dare impulso e sostegno all’occupazione giovanile sfruttando al meglio le risorse del PNRR
  • quali possibilità offre la politica attraverso la transizione ecologica e le tecnologie applicate all’ambito digitale?
In base a una raccolta dati di Brain at Work, dal 2021 a oggi è emerso che le percentuali di richieste di impiego sono in quattro aree strategiche:
  • 50% Area Information tecnology
  • 10% Area Marketing e Comunicazione
  • 21% Area Amministrativa
  • 19% Area Consulenza
Giancarlo Tanucci, direttore scientifico Brain at work lab – professore di psicologia del lavoro e delle Organizzazioni all’Università degli studi Aldo Moro di Bari afferma a tal proposito: “Un settore che non si è mai fermato, ma che funge anzi da traino per l’economia è quello informatico. I profili maggiormente richiesti sono gli sviluppatori, front-end e back-end e i sistemisti. Questi profili sono talmente ricercati che per loro i tirocini vengono retribuiti e fatti partire durante l’università: in questo modo, al termine del percorso di studi, i ragazzi possono essere assunti immediatamente, a tempo determinato o indeterminato, senza attendere altro tempo. Nel Lazio sta crescendo la domanda di ingegneri informatici per permettere alle grandi aziende di far fronte alla presentazione dei progetti del Pnrr, che sono tutti trasversalmente coinvolti dagli aspetti tecnologici. Lo stesso vale per le pubbliche amministrazioni, che stanno assumendo i profili informatici necessari alla realizzazione dei progetti del Pnrr. Un altro dato interessante è quello che vede le grandi aziende, nonostante le difficoltà legate ai rincari, pronte ad una timida ripresa”.
Secondo i dati ISTAT “il numero di occupati a settembre 2022 ha superato quello di settembre 2021 dell’1,4% (+316mila unità). L’aumento coinvolge entrambi i sessi e tutte le classi d’età, ad eccezione dei 35-49enni per effetto della dinamica demografica negativa; il tasso di occupazione, che nel complesso è in aumento di 1,3 punti percentuali, sale anche in questa classe di età (+1,0 punti) perché la diminuzione del numero di occupati 35-49enni è meno marcata di quella della corrispondente popolazione complessiva”.
Questa osservazione risulta coerente con il rapporto di Unioncamere diffuso proprio la scorsa settimana secondo il quale: “sono 382mila le assunzioni previste dalle imprese per il mese di novembre e 1,2 milioni quelle per il trimestre novembregennaio. I livelli della domanda di lavoro delle imprese si mantengono superiori a quelli registrati nellanalogo periodo preCovid (+33mila su novembre 2019, +95mila sul trimestre), meglio confrontabile con il contesto attuale, influenzato dalle incognite sul piano geopolitico e dalle dinamiche dellinflazione”. In crescita, di contro, le difficoltà di reperimento – delineate dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior realizzato da Unioncamere e Anpal – che riguarda il 46,4% dei profili ricercati, un valore superiore di circa 8 punti percentuali rispetto a un anno fa.

Proprio a partire da questo contesto, il festival Brain At Work sarà una tre giorni ricca di attività, iniziative, webinar, tavole rotonde, testimonianze e workshop, colloqui con protagonisti i manager di grandi aziende, dirigenti della PA, docenti, professionisti e consulenti pronti ad affrontare il tema del lavoro da ogni possibile angolazione. Oltre alla presenza delle più importanti aziende nazionali ed internazionali, il Festival tratterà le seguenti macro aree tematiche:

Hybrid Career Day

Convegno di apertura: Orientare e formare i giovani in un mondo che sta cambiando

Evento di orientamento, recruiting e talent acquisition dedicato alle università e alle migliori aziende a caccia di talenti diventa Ibrido (in presenza e on-line). La nostra piattaforma digitale permette di interagire con i candidati proprio come nella realtà, effettuare video colloqui, live chat e live webinar.

Green Economy

Workshop: Green jobs. Come la transizione ecologica sta cambiando il mondo del lavoro

Le principali azioni del Recovery fund Ue hanno come comune denominatore l’ambiente: digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo, rivoluzione verde e transizione ecologica, istruzione, formazione, ricerca e cultura. I principali protagonisti di questa colossale rivoluzione ne daranno diretta testimonianza nelle varie presentazioni di scenari in cui si profilano i green jobs.

Sport & Social Economy

Convegno di chiusura: Lo sport senza barriere. Quando lo sport, anche nella sua declinazione digitale, crea partecipazione a inclusione.

Le attività sportive si sono disciplinate a livello di prospettive occupazionali future. Si rafforzano alcune figure professionali. Alcuni sport hanno incrementato la propria attività, gli e-sport ad esempio aumentano la partecipazione e favoriscono l’inclusione sociale. Mutano anche le attività di impresa sociale. Ne daranno testimonianza diretta: manager dello sport, accademici, giornalisti e responsabili delle federazioni e associazioni.

Smart & Remote Working

Workshop: Case History Fastweb

Il mondo del lavoro è cambiato rapidamente, ma come cambierà ancora nel futuro? Le imprese si sono trovate a ridefinire i propri sistemi di organizzazione interna e di recruiting, le università le proprie politiche di placement, come ci si sta organizzando?

Digital Skills

Round table: Digital skill e digital trasformation: opportunità, sfide e scenari futuri delle nuove professioni

La digital transformation spinge a sviluppare in ogni contesto formativo e lavorativo nuove capacità e professionalità, un mix tra conoscenze tecnologiche e “soft skill”. Tanti contenuti formativi sul mondo delle competenze digitali per studiare, lavorare e comunicare.

Food Economy

Workshop:Come cambiano le professioni della food economy Dal web al km zero. Dalle Dark kitchen al delivery.

La transizione ecologica dell’agroalimentare apre scenari digitali che moltiplicano gli scambi e gli acquisti via web, la divulgazione culturale, la conoscenza e la territorialità delle materie prime. La tecnologia aiuta la produzione e la diffusione del sapere dei sapori locali e artigianali su scala internazionale. Quali sfide e scenari futuri si delineano?

Queste alcune delle aziende che hanno già scelto Brain at Work:

Apple, Abbott, Accenture, Acer, ALD Automotive, Alitalia, Alleanza Assicurazioni, Angelini, Arval, Assicurazioni Generali, Autostrade per l’Italia, Axa Assicurazioni, Banca Sella, Basf, Bic Lazio, Biocontrol, Bip, Bosch, BNL, British American Tobacco, Bristol Myers, Squibb, Cactus Studio, Callgest, Capgemini, CNH Italia, Conte.it, Decathlon, Deloitte, Despar, Devoteam, Dexia, Dompè Farmaceutici, Enel, Engel&Volkers, Eni, Eurobet, Ernst & Young, Ethica, Fastweb, F ater, Ferrero, F ineco, Fiorucci, FPT Industrial, Google, Hertz, HP, IBM, ICE, Hilton, IKEA, Indra Italia, Inps, ISS International, Italpol, IW Bank, Johnson & Johnson, KPMG, Lidl, Leroy Merlin, Luxottica, Marsh, Max Mara, MSX, Nissan, Norauto, Olivetti, Oracle, Palombini, Pam Panorama, Poste Italiane, Pricewaterhousecoopers, Procter&Gamble, Protiviti, RAI, Ras, Races, Renault, Royal Bank of Scotland, Hippo Group Capannelle, SoftLab, Sopra Group, Telecom Italia, Terna, Tim,Teoresi group, Toyota Europe,Unilever, Valtur, Veratour, Vitrociset, Verisure, Vodafone, Wind, Whirlpool, Wyeth

Lucia Medri

Vai al programma

Lascia un commento

Registrati alla nostra Newsletter