Servizi aziendali

AIWA: il welfare che forma al cambiamento

AIWA

AIWA partecipa alla realizzazione del progetto didattico gratuito Cosmopolites – Percorsi di Educazione civica e all’Hackathon nella scuola 2021. Due progetti innovativi e formativi per affrontare i temi di diritto, cittadinanza, economia, digitale e ambiente

Vivere il presente, progettare il futuro. La ripartenza della società è il tema dell’edizione di Cosmopolites per l’a.s. 2020/2021. Per affrontare la sfida della nuova materia di Educazione civica, AIWA partecipa alla realizzazione del progetto didattico gratuito Cosmopolites – Percorsi di Educazione civica che presenta un percorso in 5 moduli distribuiti durante l’anno scolastico e realizzati in collaborazione con enti e soggetti della società per incontrare docenti universitari e professionisti istituzionali o aziendali e comprendere la complessità del mondo che abitiamo, ripensando i paradigmi con cui leggere la società e le sue criticità in un’ottica di ripartenza.

Il motivo per cui AIWA ha deciso di aderire a Cosmopolites – ha commentato il Presidente AIWA Emmanuele Massagli, in occasione dell’evento di presentazione del progetto – è la condivisione dell’urgenza rispetto alle sfide della formazione di oggi: alla dimensione di inquadramento teorico, riteniamo sia necessario associare un contributo esperenziale. La scuola fa più fatica ad intervenire su questa parte, fondamentale, della formazione integrale. Portando l’esperienza delle principali 20 aziende che fanno welfare nel nostro Paese, come AIWA possiamo dare una mano a raccontare la realtà e far capire ai ragazzi cosa sta succedendo. Raccontare la realtà è gia una parte importante di educazione”.

AIWA ha partecipato inoltre all’Hackathon nella scuola 2021, la challenge in cui le ragazze e i ragazzi si sono impegnati per “progettare il futuro” partendo dai presupposti di cambiamento che hanno influenzato la nostra vita in questo ultimo anno. Nel suo intervento, Massagli ha ribadito “la sfida è riflettere su queste nuove scoperte e chiedersi cosa può cambiare nell’organizzazione del futuro post Covid-19 al fine di mettere al centro il welfare aziendale e occupazionale”.

Le iscrizioni gratuite e le informazioni del progetto sono disponibili sul sito.

Lascia un commento

Registrati alla nostra Newsletter