Aziende e servizi

Welfare dell’infanzia, nasce il Consorzio Pan con Intesa

Intesa Sanpaolo

Dal convegno sui servizi all’infanzia, il commento di Paolo Maria Grandi, Presidente Consorzio Pan e Chief Governance Officer di Intesa Sanpaolo, relativo all’impegno nel sociale e sul territorio

Il Consorzio Pan ha organizzato la giornata Investire sul futuro. Sfide, Opportunità, Pratiche, a cui ha partecipato anche Elena Bonetti, Ministra per le Pari  Opportunità e la Famiglia e dal quale Paolo Maria Grandi, Presidente Consorzio Pan e Chief Governance Officer di Intesa Sanpaolo ha commentato: “Intesa Sanpaolo sostiene il Consorzio PAN sin dalle sue origini perché è un interlocutore serio che offre una rete di servizi qualificati e diversificati per aiutare le famiglie nelle difficoltà quotidiane. Il Gruppo, anche grazie all’esperienza di Banca Prossima oggi diventata Direzione Impact di Intesa Sanpaolo, ha ereditato un modo diverso di fare banca, che consiste in numerose iniziative in ambito sociale, capillari sul territorio, e un modo di essere presenti a fronte delle esigenze delle persone. Le iniziative con il Consorzio PAN sono in continuità con questa evoluzione di Intesa Sanpaolo in una banca d’impatto, trasformazione fortemente voluta dal CEO Carlo Messina che ha deciso di dedicare a questi temi un appuntamento annuale per condividere con tutti gli stakeholder i pilastri del Gruppo in ambito di sostenibilità, sociale e ambientale”.

Il Consorzio è senza fini di lucro, nato nel 2004 dalla sinergia delle più grandi Reti dell’imprenditoria sociale ad oggi composto dal Gruppo Cooperativo CGM, Consorzio nazionale Con-Opera, oltre ad Intesa Sanpaolo. Come riportato sul sito, il Consorzio si propone di:

  • sviluppare e promuovere su tutto il territorio nazionale la presenza di asili nido e di servizi per l’infanzia in forma non profit, caratterizzati da qualità alta e standardizzata anche negli aspetti tariffari, presentandoli al pubblico attraverso efficaci iniziative di promozione e di comunicazione;
  • realizzare e promuovere attività di ricerca; promuovere e sostenere la qualità dei servizi educativi per l’infanzia con adeguati processi culturali, di ricerca, di formazione e valutazione;
  • promuovere la diffusione di una cultura educativa e sulla qualità dell’educazione per la prima infanzia presso le famiglie e le istituzioni locali, attraverso adeguate strategie di comunicazione;
  • promuovere le caratteristiche e la qualità del progetto affermandosi in sede pubblica con la partecipazione a eventi e iniziative qualificanti; favorire la costruzione e la rappresentazione di politiche sostenibili per l’offerta di contesti educativi di qualità.

La Nuova Mission è dunque quella di diventare un Centro di Ricerca e sviluppo applicata sul tema dei Servizi di qualità per la prima infanzia, e seconda infanzia, promossi da imprese non profit.

Lascia un commento