Servizi aziendali

Generali Italia e Andrea Bocelli Foundation: un dono welfare per gli ospedali pediatrici

Generali Italia

Continua la collaborazione tra l’Andrea Bocelli Foundation (ABF) e Generali Italia nel segno dell’innovazione e del superamento delle barriere, con un’iniziativa dedicata all’educazione digitale, sviluppata in partnership con l’Associazione Ospedali Pediatrici Italiani (AOPI) che andrà a contribuire in modo strategico al progetto di ABF “Con Te, per disegnare il futuro – Didattica a distanza per le scuole in Ospedale”

Generali Italia continua a perseguire la sua attenzione alle politiche di welfare e a soluzioni allargate alla sfera sociale che interessino da vicino gli individui e il rispetto del loro benessere, per questo insieme ai suoi Agenti ha deciso di supportare i bambini e i ragazzi dei reparti di lunga degenza degli ospedali pediatrici italiani. ABF Andrea Bocelli Foundation e Generali si schierano così, ancora una volta, dalla parte delle comunità che si trovano in situazioni di difficoltà. L’accesso all’educazione è da sempre il fulcro del lavoro di ABF, in Italia e all’estero, quale elemento di espressione della mission “empowering people and communities”. Come community leader, ABF, grazie ai fondi raccolti con la seconda campagna avviata nella fase 2 dell’emergenza Covid-19, ha deciso di sviluppare “Con Te, per disegnare il futuro”.

Un impegno concreto che Generali Italia, insieme alla Fondazione The Human Safety Net, porta avanti in Italia anche con “Ora di Futuro”, il progetto di educazione per i bambini che coinvolge insegnanti, famiglie, scuole primarie e reti non profit.

Quest’autunno, ABF, con il supporto di Generali Italia, sarà pronta per consegnare a studenti e insegnanti gli strumenti necessari a migliorare la didattica a distanza con la realizzazione di spazi didattici all’interno di alcuni ospedali della rete AOPI, per contribuire ad abbattere le barriere che possono ostacolare lo sviluppo del talento delle nuove generazioni, soprattutto in un contesto delicato come quello del ricovero ospedaliero.

In particolare, le nuove iniziative ABF per l’educazione a distanza saranno mirate alla creazione di:

  1. Creazione di una biblioteca di devices, in grado di permettere agli studenti di connettersi con insegnanti ed educatori;
  2. Elaborazione di piattaforma per l’ABF Lab, che consentirà l’accesso a una serie di contenuti on line anche interattivi per l’educazione;
  3. Formazione della figura dell’atelierista digitale, un bibliotecario 4.0 in grado di supportare insegnanti, genitori e studenti nel corretto uso degli strumenti e nell’uso degli stessi anche per mantenere o sviluppare relazioni.

Già prima dell’emergenza Covid-19 ci eravamo avvicinati al mondo della didattica negli ospedali – spiega Laura Biancalani, Direttore ABF – Oggi, dopo che tutti noi abbiamo sperimentato cosa significa apprendere a distanza  e quali difficoltà porta con sé, l’Andrea Bocelli Foundation e Generali si impegnano a cercare di fornire agli studenti che affrontano un percorso ospedaliero  gli strumenti necessari per la realizzazione del proprio potenziale, in linea con il Global Goal dell’ONU 4 ‘Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti’”.

Daniela Ara, Head of CSR and Sponsorship di Generali Italia, ha dichiarato: “Siamo impegnati ogni giorno per avere un impatto positivo nell’economia reale e rafforzare il nostro ruolo sociale di assicuratori. Con questo progetto, insieme alla Fondazione Bocelli, siamo vicini ai bambini dei reparti di lunga degenza degli ospedali pediatrici italiani per offrire loro un supporto concreto. Questo significa per noi agire insieme per generare fiducia attraverso azioni concrete e immediate a supporto delle comunità”.

Generali Italia da anni sostiene l’Andrea Bocelli Foundation. Solo un mese fa, avveniva la donazione di ABF della Tac multistrato 128 slices Revolution Evo all’Ospedale di Camerino (MC), realizzata con i fondi raccolti nella fase 1 dell’emergenza e grazie al prezioso sostegno di Generali, i cui dipendenti hanno devoluto 10.000 ore lavorative per il Fondo Internazionale di Generali.

 

Lascia un commento