Servizi aziendali

10 Febbraio 2023

Fluentify: la felicità a misura di welfare

Fluentify

Fluentify, piattaforma torinese di tutoring online, ha lanciato l’iniziativa “Isola della Felicità digitale” per fortificare i legami tra colleghi in un contesto aziendale full remote

I lavoratori italiani sono i secondi più tristi in Europa. Secondo il Report State of the Global Workplace 2022 della società internazionale di analisi e consulenza Gallup, il 27% degli intervistati afferma di provare un sentimento di tristezza quotidiano. Ma non è tutto: l’Italia si colloca al quinto posto per stress giornaliero, all’ottavo per preoccupazione e all’undicesimo per rabbia. Infine, i dipendenti italiani sono anche i meno coinvolti dal proprio lavoro di tutto il continente.

Basandosi su queste evidenze Fluentify – tra le altre cose Best Workplaces Europe 2022 – ha ideato “Happy Island”, “l’Isola della felicità” un progetto innovativo premiato nell’ambito del contest Hr Mission di AIDP e Fondazione AIDP Lavoro e Sostenibilità.

Si tratta di un’isola digitale accessibile con QR Code su cui possono atterrare tutti i collaboratori di Fluentify e nel quale ognuno ha un proprio spazio per raccontare se stesso, i propri interessi, passioni, piatti preferiti e obiettivi futuri con tanto di foto. L’isola è contenuta all’interno del passaporto aziendale rilasciato dalla Repubblica di Fluentify in carta soft-touch che racconta la storia, i valori, le tappe del percorso di onboarding e un welcome kit corporate con tutta una serie di materiali utili per i nuovi collaboratori dell’azienda.

“Happy Island fa sentire tutti, fin da subito, parte integrante della squadra di Fluentify. E’ stata pensata in un contesto aziendale full remote dove le persone sono libere di lavorare tutto l’anno dove vogliono. A chi dice che la distanza fisica limita la costruzione delle relazioni umane vorremmo rispondere che bastano un po’ di fantasia e la voglia di investire sullo sviluppo dei legami con iniziative semplici che vanno a rafforzare la conoscenza reciproca.” -dichiara Claudio Bosco, co-founder e COO di Fluentify.

Lascia un commento

Registrati alla nostra Newsletter